Che Lecce! La squadra di Liverani messa a dura prova supera ogni ostacolo

22.10.2017 10:10 di LCW Redazione  articolo letto 39 volte
Fonte: pianetalecce.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Che Lecce! La squadra di Liverani messa a dura prova supera ogni ostacolo

Il Lecce vince la sfida contro il Matera rischiando persino di stravincerla se a fermare Di Piazza non ci fosse stato il palo. Una gara in cui le scelte di Liverani hanno vinto su quelle di Auteri, soprattutto hanno vinto sulla continuità di rendimento della formazione titolare.

In campo Liverani sembra sbagliare poco e niente. Manda in campo il giovane Riccardi che ha palesato grande equilibrio e compostezza dimostrando di essere pronto almeno in caso di necessità. Tiene Di Piazza in panchina come fosse l’asso nella manica e lo manda in campo per dare il colpo di grazia ad una squadra già a terra. Insiste su Pacilli trequartista ed il calciatore cresce di gara in gara, interpretando il ruolo sempre più da rifinitore senza disdegnare il suo aiuto in fase difensiva. Sembra vincente anche la scelta di sfruttare la verve di rottura di Arrigoni che ieri ha recuperato diversi palloni potenzialmente ‘pericolosi’ per gli avversari: il gioco del Lecce riparte proprio dai suoi piedi che prima frenano l’iniziativa avversaria e poi rilanciano il gioco con (sembra) estrema semplicità.

Il Matera è stato il primo avversario ostico dell’era-Liverani. Un test attendibile – i lucani vincevano da quattro gare consecutive – che ha messo alla dura prova squadra e tecnico. Il Lecce infatti doveva fare a meno di due dei suoi tre centrali più forti ed ha affrontato questo match con l’incognita più grande: un under titolare mai visto all’opera per più di qualche minuto e comunque in gare già acquisite nel risultato.

Insomma questo Lecce assomiglia sempre di più ad un orologio meccanico per come si muove in campo al di là dei suoi interpreti e ad un orologio elettronico per la puntualità con cui riesce a non mancare all’appuntamento con la vittoria. Sei partite ed un solo pareggio per i giallorossi, con Trapani (prima) e Catania (ieri) che sbagliano gare ‘semplici’ a ricordare a tutti che la Serie C la vince chi non si rilassa mai.